Caratteristiche e vantaggi del pellet di abete

0
85

Che cos’è il pellet

Il pellet è un combustibile di biomassa composto da residui di lavorazione del legno pressati in cilindretti nel totale rispetto dell’ecosistema; è ecologico, ecosostenibile e naturale, in grado di riscaldare gli ambienti rilasciando una bassa quantità di anidride carbonica nell’atmosfera. Questo garantisce un minore impatto ambientale rispetto ad altri tipi di combustibile ed è inoltre conveniente anche dal punto di vista economico grazie all’alto potere calorifico e ai vari incentivi statali oggi esistenti sull’acquisto di questo materiale.

Tutti i vantaggi del pellet

  1. Tutela dell’ambiente e della salute: in un mondo sempre più stretto nella morsa della crisi climatica, ogni azione dell’uomo è importante per tentare di salvare il pianeta. Optare per soluzioni green è dunque fondamentale e la scelta di combustibili naturali va in questa direzione. Questo è dovuto al fatto che la combustione di un materiale organico produce un inferiore rilascio di CO2 nell’aria rispetto a quella di un materiale di origine fossile: una buona cosa per l’ambiente, la cui atmosfera risulta meno inquinata, e anche per la nostra salute, dal momento che l’emissione di sostanze tossiche e nocive – che inevitabilmente noi respiriamo – è sensibilmente ridotta
  2. Alto potere calorifico: il potere calorifico del pellet è più alto di quello della semplice legna da ardere, infatti la combustione è lenta e il rilascio di calore è continuo. Questo permette di riscaldare in modo uniforme e ottimale anche gli ambienti domestici più grandi
  3. Risparmio economico: se si mettono a confronto i costi a lungo termine di un sistema di riscaldamento tradizionale a termosifoni con quelli di un sistema di riscaldamento tramite stufe a pellet, si scoprirà un netto risparmio grazie all’utilizzo del combustibile a biomassa. Sono inoltre previsti diversi incentivi statali sull’acquisto del pellet e i rivenditori prevedono ogni anno offerte di vendita prestagionali che riducono di molto il prezzo del prodotto, acquistabile in pratici bancali.

Esistono però diversi tipi di pellet a seconda dell’albero da cui il legno combustibile è estratto, ciascuno con caratteristiche proprie: pellet di abete, pellet di faggio, pellet di castagno e pellet di conifere miste.

Vediamo insieme tutte le caratteristiche e i vantaggi del pellet di abete, in assoluto uno tra i più pregiati sul mercato grazie alla sua altissima qualità.

Perché scegliere il pellet di abete

L’abete è un albero che appartiene alla famiglia delle conifere, è un sempreverde dalle foglie aghiformi, molto diffuso nei boschi europei e famoso per essere utilizzato tradizionalmente come albero di Natale. Le sue pigne sono più lunghe e sottili rispetto a quelle del pino, con cui spesso viene confuso. Esistono diversi tipi di abete: tra i più diffusi ci sono l’abete rosso e l’abete bianco, che può arrivare ad un’altezza anche di 30 metri.

Generalmente, per realizzare il pellet si utilizza la seconda tipologia, l’abete bianco (Abies alba). Il colore dei cilindretti del pellet di abete, infatti, è più chiaro rispetto ad altre tipologie, e la qualità migliore è quella di origine austriaca, anche se sono comunque molto buoni tutti i legni provenienti dai boschi dell’Europa settentrionale e centrale, grazie all’ambiente umido, piovoso, ombreggiato e fresco che favorisce la crescita in salute dell’albero.

Il legno di abete, a causa della sua particolare durezza, è particolarmente adatto per la trasformazione in pellet poiché la sua combustione è molto lenta e il residuo di cenere è minimo, al contrario per esempio del legno di faggio, che invece brucia velocemente e produce molta cenere: per questo è pratico (la cenere è facile da pulire, si spazza via con una scopetta) e molto funzionale. La sua durezza, infatti, provoca la diffusione del calore in modo leggermente meno intenso ma molto più costante nel tempo: questo consente un riscaldamento dell’ambiente più efficace e duraturo rispetto ad altre tipologie di pellet.

Il pellet di abete di buona qualità si riconosce dall’uniformità e dalla levigazione della superficie dei cilindretti, di colore chiaro. Per garantire tutti i vantaggi sopra descritti, sulla confezione deve essere sempre presente l’indicazione della certificazione (ENplus A1, A2, B, HD+) e l’indicazione del residuo di cenere, che non deve mai superare la soglia dell’1%.

Il pellet di abete è dunque la scelta ideale se si desidera un prodotto di alta qualità, in grado di tutelare la salute nostra e del pianeta e che garantisca anche un risparmio economico.