Vantaggi e svantaggi delle scale a chiocciola

0
6913
Scale-a-chiocciola

Le scale a chiocciola possono rappresentare una soluzione perfetta in determinati contesti: se consideriamo infatti lo spazio necessario ad una scala normale, può capitare di non avere scelta e di essere costretti ad adottare delle soluzioni salva spazio. Tra queste, naturalmente, la scala a chiocciola primeggia! Tuttavia, nonostante possano avere diversi vantaggi e siano anche molto belle da vedere, le scale a chiocciola richiedono delle caratteristiche particolari per risultare a norma all’interno di un’abitazione e conviene quindi prestare attenzione a questo aspetto.

Per poter essere in regola, le scale a chiocciola devono infatti rispettare delle dimensioni minime (cosa che avviene anche con le scale normali, ma che è decisamente più gestibile) e alcune soluzioni potrebbero risultare non sufficientemente sicure.

I vantaggi delle scale a chiocciola

Scale-a-chiocciolaLe scale a chiocciola offrono alcuni vantaggi non indifferenti: prima di tutto, in alcuni casi sono proprio una scelta obbligata perchè non si ha lo spazio fisico per inserire una scala vera e propria, che si sviluppa in orizzontale.

In secondo luogo, le scale a chiocciola sono molto meno costose e addirittura si possono trovare anche dei modelli automontanti, che non richiedono l’intervento di professionisti e che potete installare in completa autonomia. 

Con le scale a chiocciola potrete avere un vero e proprio complemento d’arredo: anche quelle precostruite e autoportanti, possono essere personalizzate sia nei materiali che nei colori ed essere quindi adattate alla perfezione al resto degli arredi della casa!

Gli svantaggi delle scale a chiocciola

A ben vedere, più che svantaggi quelli che stiamo per sottoporre alla vostra attenzione sono dei dettagli che spesso si trascurano quando si scelgono delle scale a chiocciola ma che poi potrebbero creare davvero molti problemi.

La normativa esistente, che regola alcuni elementi di carattere strutturale legati alla sicurezza nelle abitazioni sia pubbliche che private, è molto chiara sulle dimensioni minime che deve avere il diametro delle scale a chiocciola. Nello specifico, all’interno delle case private, esistono due tipi di situazioni e proprio a queste sono legate le disposizioni in termini di misure minime:

  • Scale (a chiocciola) destinate ad uso privato secondario (collegamento con unità non abitabili come cantine e sottotetti): diametro di almeno 120 cm;
  • Scale (a chiocciola) destinate ad uso privato principale (collegamento con altre unità abitabili): diametro di almeno 150 cm.

Naturalmente, se vi rivolgete ad un professionista per le vostre scale non avrete di questi problemi perchè sarà lui a valutare la fattibilità della cosa, ma se ordinate delle scale a chiocciola automontanti e volete installarle da soli vi conviene farci attenzione. Prima di procedere all’ordine, verificate che lo spazio sia sufficiente e che il diametro rispetti le dimensioni minime: in caso contrario potreste ritrovarvi a dover smontare tutto e rifare ogni cosa da capo!

Al di là della normativa, un aspetto forse che si può definire svantaggioso delle scale a chiocciola riguarda la loro comodità: mentre le scale normali possono essere affrontare da chiunque e possono integrare anche un sistema per disabili ad esempio, le scale a chiocciola sono più difficoltose e difficili da percorrere. Gli anziani, ad esempio, potrebbero trovarsi davvero molto male.