Quanto consuma il climatizzatore? 5 consigli per risparmiare in bolletta

0
82

Quanto consuma il climatizzatore in casa? Quanto si spende lasciando l’apparecchio acceso l’intera giornata o tutta la notte? Queste sono domande che sempre più italiani si pongono, anche alla luce degli aumenti esorbitanti degli ultimi mesi per quanto riguarda il prezzo dell’energia elettrica. Se da un lato tenere il climatizzatore spento in casa è davvero difficile perché le temperature sono parecchio elevate, dall’altro in molti temono bollette salatissime.

Fortunatamente però esiste più di una strategia per risparmiare e ridurre i consumi del climatizzatore senza essere costretti a non utilizzarlo. Vediamo insieme 5 consigli per riuscirci.

#1 Sostituire il vecchio climatizzatore

Il primo passo da compiere per risparmiare in bolletta è quello di sostituire il vecchio climatizzatore con un modello ad alta efficienza energetica. In molti sottovalutano questo aspetto, eppure fa una grandissima differenza a livello di consumi. I climatizzatori di ultima generazione, dotati di tecnologia inverter, permettono di risparmiare anche più del doppio di energia rispetto a quelli ormai vecchi, che consumano ancora moltissimo. Al giorno d’oggi tra l’altro è possibile approfittare dell’offerta climatizzatori Plenitude, che permette di accedere alla cessione del credito e ottenere uno sconto del 65% se si sostituisce il vecchio apparecchio con un modello ad alta efficienza oppure del 50% se ne si acquista uno nuovo. Si può scegliere tra moltissimi climatizzatori diversi e la convenienza è assicurata!

#2 Chiudere le finestre e abbassare le tapparelle

Per evitare di consumare troppa energia e trovarsi con bollette salate quando si accende il climatizzatore in casa è bene assicurarsi sempre di chiudere tutte le finestre e di abbassare le tapparelle. In questo modo si evita che i raggi solari scaldino ancora di più l’abitazione, che rimane più fresca.

#3 Preferire la funzione “deumidificatore”

Un trucco che in molti non conoscono ma che permette di risparmiare in modo notevole sui consumi energetici del climatizzatore è quello di sfruttare la funzione “deumidificatore”. Spesso e volentieri infatti le temperature in casa sono molto elevate per via di un eccesso di umidità negli ambienti. Con la deumidificazione è possibile rinfrescare le varie stanze abbassando di qualche grado la temperatura senza consumare in modo eccessivo. Se impostato in questa modalità infatti il climatizzatore necessita di molta meno potenza.

#4 Pulire periodicamente i filtri del climatizzatore

Altrettanto importante per evitare di consumare troppa energia quando si utilizza il climatizzatore è preoccuparsi periodicamente della pulizia dei filtri. Se infatti questi sono sporchi e anche solo parzialmente otturati, l’apparecchio necessita di maggiore potenza e consuma dunque di più del normale. Non solo: pulire i filtri permette anche di salvaguardare la propria salute ed evitare di respirare particelle nocive negli ambienti domestici.

#5 Evitare di impostare una temperatura troppo bassa

Infine, un trucco che tutti dovrebbero conoscere per evitare di consumare in modo eccessivo utilizzando il climatizzatore è quello di impostare la corretta temperatura. Se questa risulta troppo bassa rispetto a quella esterna, l’apparecchio necessita di una maggiore potenza e dunque è inevitabile che consumi di più. È inoltre poco salutare esagerare da questo punto di vista, quindi è sempre meglio evitare di andare al di sotto dei 25 -26°C.