Le cucine con isola sono un must per l’arredamento della cucina

0
4839

Le cosiddette cucine con isola sono una soluzione di tendenza per arredare la cucina. Esse hanno un’estetica veramente accattivante e moderna, per questo sono considerate le cucine più belle e desiderate. L’isola è perfetta per riempire un ambiente molto grande, ma in alcuni casi può anche essere una soluzione per spazi più ridotti, per ottimizzare al meglio ogni centimetro quadrato e dividere gli ambienti.

La zona centrale è costituita da un blocco che di solito comprende il piano cottura, il lavello, la cappa. Quest’ultima è un’accortezza indispensabile per questo tipo di cucina, per eliminare gli odori. Le pareti circostanti libere invece si adoperano per i blocchi più ingombranti, come il frigorifero, il forno e la dispensa. I mobili a parete possono essere su un lato, su due (tipo a L) oppure su tre lati (tipo a C).

Con questo tipo di arredamento, la zona attiva della cucina si sposta in mezzo alla stanza, come anche la sala da pranzo. Parte della cucina con isola centrale, infatti, fa da tavolo oppure da bancone grazie a sedie e sgabelli. La cucina con isola è molto ricercata nell’interior design perché è una soluzione estetica di valore, non tutti gli ambienti però possono ospitarne una, dipende dai casi.

Quando si può installare una cucina con isola

Quando si decide di mettere in cucina una struttura a isola, bisogna organizzare al meglio gli spazi, studiando la disposizione con attenzione e coscienza. Di solito per questo genere di disposizione, occorre una stanza quadrata di almeno 3 metri per lato circa. Con lati inferiori a questa misura bisogna prestare attenzione, perché si rischia di non riuscire a passare più lateralmente al bancone.

Dal momento che i blocchi lungo le pareti sono a parte rispetto a quello centrale, bisogna potersi muovere agevolmente, questa è la regola base. Inoltre tutti gli sportelli si devono aprire facilmente. Se la stanza destinata alla cucina ha queste caratteristiche, allora si può pensare ad installare questo tipo di arredamento. Se l’ambiente è insufficiente, ma amate questa soluzione, un’alternativa potrebbe essere quella di fare un ambiente unico con il soggiorno. Creando un open space sala-cucina, in cui l’isola centrale fa da elemento divisorio, una volta eliminata la parete.

Per la cucina a isola gli scarichi e gli allacci di gas, acqua, elettricità devono essere in centro alla stanza. Questo tuttavia non è un grosso problema se la casa è nuova, ma richiede qualche lavoretto se è un’abitazione un po’ datata. In questo caso sarà necessario rimuovere il pavimento in parte, per ricostruirlo di nuovo dopo.

Vantaggi delle cucine con isola

La cucina a isola ha una resa estetica di alto valore. Essa rende l’ambiente cucina professionale e moderno, anche incredibilmente pratico ed efficiente. Il bancone al centro infatti ricorda i ristoranti, ed è proprio da qui è nata questa idea. Questo tipo di cucine fanno proprio venire voglia di dilettarsi a cucinare, anche in famiglia. La posizione del banco da lavoro infatti, permette di poter coinvolgere anche più persone, dando ad ognuna lo spazio necessario per lavorare. L’isola centrale, in molti casi, divide la cucina dalla zona living, su cui si ha il contatto visivo. Nelle normali cucine si è invece girati di spalle.

Lo spazio che la cucina con isola mette a disposizione è molto di più rispetto a quello di una cucina normale, l’ambiente diventa utilizzabile in modo più agevole e ospitale. Avere il blocco al centro della stanza infatti, permette di avere più spazio sfruttabile lungo la parete. Questo può essere impiegato per esempio per un frigorifero più grande, per forni rialzati o dispense più ampie.