Come scegliere il miglior barbecue elettrico

0
150

Siamo abituati a pensare il barbecue con la classica alimentazione a legna o a carbonella ma non mancano le soluzioni sempre più innovative. L’invenzione del barbecue è antica, la pratica della griglia è un fenomeno che si perde nella notte dei tempi ed è propria della cucina caraibica, ma la procedura moderna viene datata secondo i documenti al 1540, quando Hernando de Soto, esploratore spagnolo, racconta di aver assaggiato un maiale cucinato al “barbacoa” presso un accampamento del Mississippi.

Da allora il barbecue di strada ne ha fatta e non poca, trovando nuova modulazione nelle apparecchiature grazie all’invenzione di George Stephen del 1952 per il marchio Weber di Chicago, il quale ha introdotto il coperchio per salvaguardarne la cottura e renderla possibile anche in condizioni atmosferiche delicate.

I barbecue elettrici moderni sono tra le innovazioni più apprezzate. I motivi sono diversi, proprio come le tipologie. In questo articolo vi mostriamo quelle più interessanti.

Caratteristiche e tipologie di barbecue elettrici

Il barbecue elettrico presenta, come peculiarità, un’alimentazione a elettricità e risulta facile da predisporre in casa: basta collegarlo, tramite la presa, alla rete elettrica. La potenza necessaria per la cottura varia dagli 800 ai 2400 W.

Il barbecue elettrico è un oggetto piccolo che sta in poco spazio e non produce fumo, caratteristiche che lo rendono perfetto per i contesti di tipo condominiale. Garantisce una cottura uniforme e veloce e risulta in molti modelli, come le piastre elettriche e i barbecue da tavolo, estremamente funzionale.

Le tipologie di barbecue elettrico disponibili in commercio attualmente sono:

  • Barbecue elettrici da esterno. Si caratterizzano per le dimensioni più importanti.
  • Barbecue elettrici da interno. Si tratta del cosiddetto barbecue da tavolo, perfetto nel caso siano presenti norme condominiali piuttosto restrittive. È un barbecue particolarmente versatile e pensato per un numero di persone che va dalle 2 alle 4.
  • Piastre elettriche. Particolarmente comode, vedono l’inserimento della griglia interna. Nascono all’origine per i panini ma si prestano anche per la cottura di carne, pesce, verdure e formaggi.
  • Griglie portatili. Un barbecue da portare anche a casa di amici e in qualsiasi altro posto.

Quale barbecue elettrico scegliere

La scelta del barbecue elettrico dipende da diversi fattori quali le condizioni condominiali, il numero di persone per cui si intende cucinare e la frequenza d’uso. Online non mancano le proposte interessanti e convenienti come quelle dei barbecue elettrici su Il Mondo del Barbecue, un sito specializzato in barbecue che presenta le proposte dei migliori marchi presenti in commercio a cui unisce un servizio  di assistenza a tutto tondo. La scelta del barbecue elettrico è molto personale, l’importante è optare per uno di qualità, in grado di accompagnare a lungo nel tempo e di garantire un’esperienza alla griglia davvero intrigante.

Su una cosa non abbiamo dubbi: gli alimenti preparati al barbecue elettrico sono parimenti gustosi di quelli che si ottengono con gli altri tipi di barbecue, compreso quello a gas o a pellet. La cottura è uniforme e non perde quell’aroma che solo la griglia riesce a dare.