Come rendere sicura la propria abitazione: consigli pratici

0
133

Dato l’aumento dei furti e delle effrazioni nelle case, la questione della sicurezza domestica sta assumendo sempre maggiore importanza. Tuttavia, mentre in passato, vista anche la limitata proposta del mercato, si tendeva a puntare verso protezioni passive, come tapparelle rinforzate, inferriate e porte blindate, attualmente, grazie anche allo sviluppo della tecnologia, si opta prevalentemente per i sistemi di protezione attiva, come impianti domotici per il controllo a distanza, sistemi antifurto, impianti di video sorveglianza ed  impianti d’allarme wireless.

Tali innovative soluzioni, del resto, permettono, non solo di proteggere la casa ed i suoi abitanti da fattori esterni (ladri), ma anche di evitare situazioni spiacevoli che potrebbero arrecare danno a chi vi vive all’interno (perdite di gas). Ecco, quindi, alcuni consigli per rendere la propria abitazione sicura.

Sistemi di protezione attiva

Per ridurre drasticamente i rischi di intrusione è importante installare un sistema antifurto, possibilmente anche con controllo da remoto, che sia in grado di rilevare la presenza di ladri in casa od eventuali tentativi di effrazione. Tuttavia, tali tecnologie consentono anche di individuare malfunzionamenti domestici, che potrebbero causare gravi danni alle abitazioni.

Gli impianti antifurto, di norma, sono caratterizzati da una centrale che regola le varie funzionalità del sistema, da rilevatori d’intrusione e da sirene emettono suoni fastidiosi in caso di effrazione. Di fatto gli impianti antintrusione possono essere dotati di fili (via cavo) o privi (wireless). I sistemi d’allarme, inoltre, possono prevedere una protezione perimetrale (sensori installati estremamente alla casa) o volumetrica (sensori installati all’interno della casa).

Tuttavia, da non sottovalutare sono anche i sistemi di sorveglianza e di controllo, che consentono di far dialogare tutti i dispositivi (videocitofonia, videosorveglianza, antintrusione e domotica), rendendo possibile gestire le varie funzioni anche da remoto. In questo modo, è possibile verificare che cosa succede nella propria abitazione anche quando ci si trova fuori casa.

Infine, è bene ricordare anche i sistemi di rilevazione incendi e fughe di gas, che sono estremamente importanti, poiché consentono di intervenire per tempo in caso di situazioni spiacevoli, che potrebbero arrecare gravi danni alle abitazioni. Ovviamente, per trovare la soluzione ideale alle proprie necessità, è necessario rivolgersi ad una ditta specializzata in questo settore ed estremamente affidabile, come TechnoSecurity Roma, che vanta una grande esperienza e che ha interesse a creare un rapporto di fiducia con i propri clienti.

Sistemi meccanici passivi

I sistemi meccanici passivi, per quanto non sufficienti a garantire una certa sicurezza in casa, sono comunque importanti, in quanto costituiscono una resistenza fisica all’intrusione dei malintenzionati, i quali, per poter accedere alle abitazioni, necessiteranno di più tempo, di maggiore sforzo e di attrezzi più specialistici.

Non a caso, per classificare la proprietà antieffrazione di un sistema meccanico vengono utilizzate 6 classi di resistenza (RC o WK). Di fatto, la classe definisce il grado di resistenza apposto da finestre e porte agli eventuali tentativi di scasso, in base ai metodi ed agli strumenti utilizzati dai ladri. In generale, si può dire che, maggiore è la classe di resistenza, maggiore sarà il tempo necessario al ladro per portare a termine l’effrazione.

In commercio è possibile trovare diverse tipologie di porte blindate, finestre di sicurezza, infissi rinforzati, inferriate e serrature di sicurezza, tutto sta nel capire quali sia meglio adottare. Anche in questo caso, la cosa migliore è rivolgersi a professionisti del settore, così da evitare inutili sprechi di denaro e soprattutto soluzioni poco funzionali e sicure.



Loading...
SHARE