Centraline per irrigazione: Quale scegliere?

0
122
Centraline-per-irrigazione

Le centraline per l’irrigazione sono dei dispositivi utilissimi e potremmo dire che ormai sono indispensabili per tutti coloro che devono prendersi cura dell’orto, del giardino o del proprio campo coltivato. Grazie infatti a questi componenti è possibile risparmiare notevoli quantità di acqua, ma non solo perchè automatizzando le operazioni ci permettono anche di evitare perdite di tempo. Inoltre, grazie ad una centralina possiamo assicurare sempre alle nostre colture le corrette quantità di acqua, senza rischiare di dosare male l’irrigazione. Stiamo parlando di dispositivi che ormai sono utilizzati praticamente ovunque: non solo nei grandi campi ma anche nei giardini privati e addirittura sui balconi delle abitazioni. Il prezzo è del tutto abbordabile ed i modelli più recenti sono davvero comodissimi, sia da utilizzare che da programmare. 

Naturalmente però esistono diverse tipologie di centraline per irrigazione e bisogna scegliere quella più adatta alle proprie esigenze. Si va dai modelli semplici a quelli più evoluti e ricchi di funzioni specifiche, quindi anche il costo può variare parecchio.

Centraline per irrigazione: come scegliere quella giusta per le proprie esigenze

I modelli di centraline e programmatori per l’irrigazione sono davvero molti: si va da quelli elettrici a quelli elettronici e quindi a batterie, che possono risultare più comodi soprattutto se devono essere collocati all’esterno. Ci sono poi le centraline semplici e quelle che invece vantano funzioni evolute, per rispondere alle esigenze più specifiche. Come scegliere il modello giusto e non rischiare di sbagliare? Eccovi alcuni suggerimenti.

L’alimentazione: centralina elettrica o a batteria?

Per quanto riguarda il tipo di alimentazione, possiamo trovare in commercio sia le centraline elettriche che quelle a batteria. Naturalmente, nel primo caso non dovremo preoccuparci di sostituire le pile ma in caso di corto circuito potremmo avere qualche problema. Con le centraline a batteria invece non abbiamo problemi di posizionamento e dovremo solo preoccuparci di cambiare le pile (o ricaricarle) una volta che si saranno scaricate. In questo caso, è sempre meglio assicurarsi che il programmatore sia dotato di una spia che indichi il livello di carica.

Numero di programmi e programmazione manuale

Una centralina di tutto rispetto deve avere almeno 2-3 programmi disponibili, per consentirci la massima personalizzazione. Oltre a questo, vi consiglio di controllare che ci sia anche la possibilità di far partire l’irrigazione manualmente in caso di necessità e al di fuori degli orari programmati. Sembra una sciocchezza ma è una funziona che non tutte le centraline hanno.

Funzioni extra

Come abbiamo detto, alcuni programmatori per l’irrigazione sono dotati di funzioni extra che non sono indispensabili ma che potrebbero rivelarsi molto utili in alcuni casi. Tra questi particolarmente interessante è il sensore pioggia, che blocca l’irrigazione e consente in questo caso di risparmiare acqua ed evitare eccessive irrigazioni. Questo componente si può trovare in molti modelli di centraline e bisogna ammettere che è parecchio utile, non solo per il risparmio in termini economici ma anche per il benessere dell’orto o del giardino. Ci sono poi centraline dotate della funzione Solar Sync, che regola l’irrigazione in base alle condizioni meteorologiche e sicuramente può rivelarsi molto comoda.